Celebriamo la Giornata Nazionale degli Alberi in Italia

Ogni 21 novembre, l’Italia celebra la Giornata Nazionale degli Alberi, sottolineando l’importanza degli alberi nel nostro ecosistema e promuovendo la conservazione ambientale. Questa giornata, istituita nel 1923 dall’allora Ministro dell’Economia Nazionale Guido Jung, è diventata col tempo un simbolo nazionale per la tutela dell’ambiente.

L’origine della celebrazione

La Giornata Nazionale degli Alberi nacque con l’obiettivo di ricostruire il patrimonio boschivo italiano, gravemente danneggiato durante la Prima Guerra Mondiale. L’intento era quello di sensibilizzare la popolazione sull’importanza del rimboschimento e favorire opere di forestazione su tutto il territorio. Nel corso dei decenni la giornata è evoluta, assumendo un significato più ampio di promozione della biodiversità e tutela ambientale.

L’importanza degli alberi nei nostri ecosistemi

Gli alberi sono essenziali per la salute del nostro pianeta. In città, agiscono come polmoni verdi, purificando l’aria e riducendo l’inquinamento atmosferico. Oltre a produrre ossigeno, gli alberi urbani riducono l’effetto delle isole di calore, abbassando la temperatura locale e diminuendo il bisogno di aria condizionata. Le loro chiome e radici contribuiscono a ridurre il rischio di allagamenti e inondazioni, assorbendo l’acqua piovana e aumentando la permeabilità del suolo.

In contesti extraurbani, gli alberi sono ancora più vitali. Contribuiscono alla conservazione della biodiversità, offrendo habitat e rifugio a numerose specie animali e vegetali. La loro presenza è fondamentale per il mantenimento dell’equilibrio ecologico e per la protezione del suolo da erosione e desertificazione.

L’Impatto del cambiamento climatico sugli alberi

Il cambiamento climatico rappresenta una delle maggiori sfide per gli ecosistemi arborei in Italia e nel mondo. L’aumento delle temperature, le variazioni nei regimi delle precipitazioni e la frequenza crescente di eventi meteorologici estremi hanno un impatto diretto sugli alberi e sulle foreste. Questi cambiamenti possono causare stress idrico, amplificare la vulnerabilità a malattie e parassiti, e aumentare il rischio di incendi boschivi. 

In Italia, si osserva già come alcune specie arboree stiano modificando il loro areale in risposta ai cambiamenti climatici, spostandosi verso altitudini più elevate o latitudini più fresche. Questo spostamento potrebbe portare a squilibri negli ecosistemi, influenzando la biodiversità e le interazioni tra specie. 

Allo stesso tempo, gli alberi sono anche parte della soluzione al cambiamento climatico. Attraverso il processo di fotosintesi, assorbono CO2, uno dei principali gas serra, contribuendo a mitigare l’effetto serra. La conservazione e la gestione sostenibile delle foreste sono quindi cruciali non solo per la salvaguardia della biodiversità, ma anche come strumento chiave nella lotta contro il cambiamento climatico.

La Giornata Nazionale degli Alberi assume quindi un significato ancora più profondo in questo contesto, evidenziando l’importanza di azioni concrete per la tutela del patrimonio arboreo e il ruolo fondamentale che gli alberi svolgono nel mitigare gli impatti del cambiamento climatico. Promuovere la resilienza degli ecosistemi forestali e urbani diventa una priorità per garantire un futuro sostenibile per il nostro pianeta.

Benefici per le città e per l’escursionismo 

Gli alberi nelle città non solo migliorano la qualità dell’aria, ma creano anche spazi verdi dove la gente può rilassarsi e connettersi con la natura. Parchi e giardini urbani sono luoghi ideali per attività ricreative come passeggiate, jogging e incontri sociali.

Per gli amanti della natura e dell’escursionismo, gli alberi offrono un’esperienza unica. Le foreste e i boschi sono destinazioni predilette per il trekking, offrendo percorsi ombreggiati e scenari naturali mozzafiato. Escursioni tra gli alberi permettono di scoprire la flora e la fauna locali, contribuendo allo stesso tempo al benessere fisico e mentale.

L’importanza degli alberi autoctoni

L’Italia ospita una grande varietà di specie arboree autoctone come il leccio, il pino domestico, il castagno, il faggio, il pioppo, il melo selvatico. Queste specie hanno un ruolo chiave negli ecosistemi locali, fornendo cibo e rifugio per la fauna, prevenendo l’erosione del suolo, e costituendo parte integrante del paesaggio e della cultura italiana.

Dati e minacce al patrimonio boschivo

Secondo i dati ISTAT, in Italia esistono 11 milioni di ettari di boschi e foreste, che coprono il 36,4% del territorio nazionale. Nonostante ciò, questo patrimonio verde è minacciato da incendi, parassiti, urbanizzazione e dai cambiamenti climatici. Per garantirne la salvaguardia sono necessarie politiche lungimiranti di tutela ambientale.

Il valore del turismo boschivo

Le foreste italiane, custodi di una straordinaria biodiversità, rappresentano anche una preziosa risorsa per il turismo sostenibile e il trekking. Valorizzare questi ambienti dal punto di vista turistico, nel rispetto degli ecosistemi, può apportare benefici economici e culturali senza comprometterne l’integrità.

Alberi monumentali

L’Italia conta numerosi alberi monumentali, veri e propri patriarchi della natura. Un esempio è il Castagno dei 100 Cavalli in Sicilia, con un’età stimata di 3.000 anni e una circonferenza di oltre 60 metri. Questi giganti vegetali sono una ricchezza unica da preservare.

Iniziative per la Giornata Nazionale degli Alberi

Per celebrare questa ricorrenza vengono organizzati eventi in tutta Italia, come piantumazioni di alberi nelle città e nei boschi da parte di associazioni, incontri ed escursioni guidate alla scoperta delle specie arboree autoctone, e attività educative nelle scuole per sensibilizzare i giovani.

Azioni Individuali per la Tutela degli Alberi

Ogni persona può svolgere un ruolo attivo nella tutela degli alberi e nella conservazione dell’ambiente. Ecco alcune iniziative pratiche:

1. Piantare Alberi:

Partecipare a progetti di piantumazione di alberi nella propria comunità è un modo diretto per contribuire alla creazione di spazi verdi e alla riduzione dell’impronta di carbonio. Molte città e associazioni locali organizzano eventi di piantumazione dove i volontari possono aiutare.

2. Donare a organizzazioni ambientaliste:

Sostenere finanziariamente organizzazioni che lavorano per la conservazione degli alberi e delle foreste è un’altra forma efficace di aiuto. Queste donazioni aiutano a finanziare progetti di rimboschimento, ricerca e tutela delle specie arboree a rischio.

3. Adottare un albero:

Alcune iniziative permettono di “adottare” un albero, contribuendo economicamente alla sua manutenzione e alla conservazione dell’area in cui si trova. Questo può anche essere un regalo significativo e sostenibile.

4. Educazione e sensibilizzazione:

Informare sé stessi e sensibilizzare gli altri sull’importanza degli alberi e sulle minacce che affrontano è fondamentale. Questo può includere l’organizzazione o la partecipazione a workshop educativi, conferenze o campagne sui social media.

5. Sostenere politiche verdi:

Essere attivi nel sostegno di politiche ambientali a livello locale, nazionale e globale è cruciale. Votare per politici e leggi che promuovono la tutela dell’ambiente e la sostenibilità può avere un grande impatto.

Attraverso queste azioni, ciascuno può contribuire a proteggere e valorizzare il patrimonio arboreo, sostenendo la salute del nostro pianeta e delle generazioni future.

La Giornata Nazionale degli Alberi è un’occasione preziosa per ricordare il vitale ruolo degli alberi e l’importanza di salvaguardare il nostro patrimonio boschivo e arboreo, per il bene dell’ambiente e delle future generazioni. La tutela delle specie autoctone e la diffusione di una cultura rispettosa della natura sono obiettivi che ci coinvolgono tutti.

A cura di David Passarelli, Istruttore di Trekking CONI e autore del libro Manuale di escursionismo.