Le Dolomiti: tra pietre, nuvole e sogni

“Avvicinatevi, vi prego, esaminate questo spettacolo che senza ombra di dubbio è una delle cose più belle, potenti e straordinarie di cui questo pianeta disponga… Sono pietre o nuvole? Sono vere oppure è un sogno?”

Queste parole di Dino Buzzati, tratte da “Le montagne di vetro”, catturano l’essenza mistica delle Dolomiti. 

Riconosciute dall’UNESCO come Patrimonio Naturale dell’Umanità il 26 giugno 2009, le Dolomiti, nate oltre 250 milioni di anni fa come barriera corallina, sono state modellate dall’acqua, dal vento e dal ghiaccio.

Le Dolomiti, note anche come i “Monti Pallidi” a causa di una suggestiva leggenda, appartengono al gruppo delle Alpi Orientali e si estendono attraverso le province italiane di Belluno, Bolzano, Trento, Udine e Pordenone.

Primavera: il risveglio della natura

Con l’arrivo della primavera, le Dolomiti si trasformano in un palcoscenico di colori vivaci. I prati alpini sbocciano in un’esplosione di fiori, mentre le cime innevate si tingono di rosa al tramonto, un fenomeno noto come “enrosadira”. Escursioni in questa stagione regalano incontri sorprendenti con la fauna locale, che si risveglia dal lungo inverno.

Estate: il paradiso degli escursionisti

L’estate nelle Dolomiti è un paradiso per gli amanti dell’escursionismo. Sentieri che si snodano tra boschi rigogliosi e vette maestose offrono panorami mozzafiato. È il momento ideale per esplorare i numerosi rifugi di montagna, ognuno con la propria storia unica e piatti tradizionali da assaporare. 

Autunno: un mosaico di colori

L’autunno vede le Dolomiti trasformarsi in un mosaico di colori caldi. Gialli, arancioni e rossi dominano il paesaggio, creando contrasti straordinari con il cielo azzurro terso e le cime bianche. Le giornate più fresche e le foreste colorate rendono questa stagione perfetta per trekking più tranquilli e riflessivi. 

Inverno: il silenzioso incanto

Infine, l’inverno avvolge le Dolomiti in un silenzioso manto di neve. È un periodo di quiete ma anche di avventura, con opportunità di sci, snowboard e camminate con le ciaspole. Le montagne innevate sembrano quasi uscite da un dipinto, ricordando le parole di Buzzati e facendoci domandare se stiamo vivendo un sogno. 

I parchi delle Dolomiti

Le Dolomiti sono protette da 10 parchi, di cui 2 nazionali e 8 regionali, che coprono circa il 40% del loro territorio e che ospitano una grande varietà di paesaggi, flora e fauna. Tra le specie animali presenti in questi parchi vi sono il camoscio, il cervo, lo stambecco, la marmotta, l’aquila reale, il lupo e l’orso bruno. Le attività consentite all’interno dei parchi sono diverse, tra cui escursioni, alpinismo, sci, snowboard, pesca, caccia e turismo sostenibile. 

Vivere le Dolomiti in modo sostenibile

Il riconoscimento UNESCO delle Dolomiti come patrimonio dell’umanità e l’impatto del cambiamento climatico su queste montagne sottolinea l’urgenza di un turismo responsabile e sostenibile. Visitare i parchi naturali, preferire mezzi di trasporto ecologici e partecipare a iniziative locali green sono modi concreti per contribuire alla tutela di queste montagne uniche.

A cura di David Passarelli, Istruttore di Trekking CONI e autore del libro Manuale di escursionismo.