Viaggio nel tempo: la Ferrovia-Museo della Stazione di Colonna

Durante una mia recente visita alla Ferrovia-Museo della Stazione di Colonna a San Cesareo, sono stato catturato dalla profonda storia e dalla ricca cultura ferroviaria ivi conservate. Immerso tra i fabbricati della centenaria stazione di Colonna e affascinanti rotabili storici, tra cui spicca un imponente locomotore del 1916, ho esplorato una collezione inestimabile che narra non solo di viaggi, ma anche di vite vissute lungo i binari.

La linea Roma-Fiuggi-Frosinone, inaugurata a seguito del progetto del 1907 dell’ingegnere Antonio Clementi, rappresentava un’arteria vitale per i territori del Lazio sud-orientale, all’epoca privi di collegamenti ferroviari alternativi. Con soli 500 metri di binario rimasti, il museo si erge oggi come custode silenzioso di questa storia, testimoniando l’evoluzione del trasporto ferroviario e il suo impatto sul tessuto sociale e rurale dell’epoca.

L’esposizione del museo, dislocata tra gli ambienti del fabbricato viaggiatori, offre uno sguardo intimo sulla quotidianità della stazione, dalle sale d’attesa all’abitazione del capostazione, arricchita da una raccolta fotografica che ritrae momenti di vita e lavoro. Al piano superiore, stanze dedicate narrano gli eventi della Seconda Guerra Mondiale, offrendo una testimonianza diretta dell’importanza strategica della stazione.

La collezione si completa con pezzi storici unici, come il ‘treno bloccato’ 472-111 del 1949 e l’elettrotreno articolato 801 del 1953, permettendo ai visitatori di intraprendere un viaggio nel tempo alla scoperta della storica linea Roma-Fiuggi. Questi rotabili simboleggiano le tappe evolutive della ferrovia, dal suo ruolo cruciale nello sviluppo territoriale alla sua progressiva trasformazione.

Le testimonianze di altri visitatori, insieme alle mie impressioni, rafforzano la percezione di un museo vivo, dove il calore umano delle guide e dei volontari si fonde con la passione per la conservazione della memoria ferroviaria. 

Data la limitata capacità degli spazi interni della storica stazione, suggerisco vivamente di effettuare una prenotazione per assicurarsi la possibilità di visitarla. Per prenotare, scrivi a info@ferroviamuseo.it.

La mia visita alla Ferrovia-Museo della Stazione di Colonna è stata molto più che un semplice ritorno al passato; è stata un’opportunità per immergermi nella storia ferroviaria italiana, toccandone con mano l’evoluzione e l’impatto sociale.

Articolo a cura di David Passarelli, Istruttore di Trekking CONI e autore del libro ‘Manuale di escursionismo‘.