Giornata e Settimana Europea dei Parchi 2024. Un impegno per la natura e la cultura

La natura ci offre paesaggi mozzafiato, habitat ricchi di biodiversità e una miriade di tesori naturali e culturali da scoprire. È fondamentale preservare e valorizzare questo patrimonio per le generazioni future. In questa ottica, la Giornata Europea dei Parchi (EDoP) rappresenta un evento di rilievo. Istituita nel 1999 dalla Federazione EUROPARC, questa giornata celebra le aree protette in tutta Europa e promuove la consapevolezza sulla loro importanza. In questo articolo, esploriamo l’essenza della Giornata Europea dei Parchi e l’impegno nella conservazione e valorizzazione delle nostre meraviglie naturali e culturali.

La Giornata Europea dei Parchi: un’occasione per riflettere sull’importanza delle aree protette

La Giornata Europea dei Parchi (EDoP) rappresenta un’opportunità preziosa per rivolgere l’attenzione alle aree protette che costellano il continente europeo. L’evento, istituito dalla Federazione EUROPARC, offre una piattaforma di sensibilizzazione e celebrazione delle meraviglie naturali e culturali custodite nei parchi nazionali, riserve naturali e altre aree protette in tutta Europa.

Il 24 maggio di ogni anno, la Giornata Europea dei Parchi riunisce istituzioni, organizzazioni ambientaliste, operatori turistici e appassionati di natura per riflettere sull’importanza di proteggere e valorizzare questi luoghi unici. Attraverso una serie di eventi, escursioni, conferenze e attività didattiche, si promuove la consapevolezza pubblica sul ruolo cruciale che i parchi svolgono nella conservazione della biodiversità e nella salvaguardia del nostro patrimonio naturale e culturale.

La Settimana Europea dei Parchi

Quest’anno, la Settimana Europea dei Parchi si celebra con diverse iniziative organizzate nelle aree protette dal 18 al 26 maggio. Nel corso degli anni, la celebrazione della Giornata Europea dei Parchi si è estesa a più giorni, diventando la “Settimana Europea dei Parchi”.

Per l’edizione 2024, lo slogan scelto è #VoteForNature, sottolineando come i cittadini di tutta Europa possano influenzare le scelte dei governanti e incidere concretamente nelle importanti decisioni politiche dei prossimi anni. Temi come l’ambiente, i cambiamenti climatici, l’uso del suolo e il depauperamento delle risorse saranno sempre più centrali nelle nostre vite.

Preservare la biodiversità: un compito cruciale per la conservazione dei parchi

Uno degli obiettivi principali della Giornata Europea dei Parchi è sottolineare l’importanza della conservazione della biodiversità. I parchi rappresentano riserve naturali dove flora e fauna possono prosperare indisturbate, fornendo un habitat essenziale per numerose specie in via di estinzione o a rischio. La protezione di queste aree, insieme all’implementazione di politiche di gestione sostenibile, è fondamentale per garantire la sopravvivenza di ecosistemi preziosi e la conservazione della varietà di vita che essi ospitano.

Le giornate come l’EDoP offrono l’opportunità di mettere in evidenza le sfide che la biodiversità affronta oggi e di promuovere azioni concrete per la sua conservazione. Questo coinvolge la sensibilizzazione del pubblico sull’importanza di ridurre l’impatto delle attività umane sull’ambiente, promuovere la sostenibilità e adottare pratiche di gestione ecologicamente responsabili.

Incremento delle aree protette e iniziative di conservazione

In Italia, ad oggi, la copertura di superficie protetta è significativa: circa 3.920.174 ettari di aree marine (pari all’11,2% delle acque territoriali) e 6.530.473 ettari di aree terrestri (pari al 21,7% del territorio nazionale) sono sottoposti a tutela. Per raggiungere l’obiettivo del 30% di superficie protetta entro il 2030, come richiesto dal Kunming-Montreal Global Biodiversity Framework, sarà necessario incrementare ulteriormente queste cifre. Questo sforzo comprende la creazione di nuove aree protette, la connessione efficace delle superfici protette esistenti e il rispetto dei territori indigeni e tradizionali, riconosciuti come custodi essenziali della biodiversità globale​. Durante la Settimana Europea dei Parchi, dal 18 al 26 maggio, verranno organizzati eventi come il Bioblitz in Lombardia, dove cittadini e scienziati collaboreranno per monitorare la biodiversità locale, e attività come il forest bathing nei Parchi della Liguria, che combinano la conservazione ambientale con il benessere personale​​.

Valorizzare il patrimonio culturale: un ponte tra natura e storia

Oltre alla ricchezza naturale, i parchi europei custodiscono anche un patrimonio culturale unico e affascinante. Molte di queste aree protette sono intrise di storia, testimonianze di antiche civiltà, tradizioni e usanze locali. Attraverso la Giornata Europea dei Parchi, si cerca di promuovere la valorizzazione di questo patrimonio culturale, evidenziando la stretta connessione tra natura e storia.

I visitatori dei parchi possono esplorare siti archeologici, castelli, antichi sentieri e altri luoghi che raccontano la storia e la cultura delle comunità che hanno abitato queste terre nel corso dei secoli. Questo patrimonio culturale può essere un’opportunità per il turismo sostenibile, creando benefici economici per le comunità locali e contribuendo alla conservazione delle tradizioni e delle identità culturali.

Cosa possiamo fare

La Giornata Europea dei Parchi rappresenta un momento di celebrazione e riflessione sull’importanza delle aree protette, della conservazione della biodiversità e della valorizzazione del patrimonio culturale. Promuovendo la consapevolezza e l’azione concreta, questa giornata speciale ci invita a proteggere e valorizzare il nostro patrimonio naturale e culturale per le generazioni future.

Ogni individuo può fare la differenza nel preservare questi tesori, sia attraverso piccoli gesti quotidiani che promuovono la sostenibilità, sia attraverso la partecipazione attiva a iniziative locali di conservazione. Celebrare la Giornata Europea dei Parchi significa riconoscere il valore intrinseco di queste aree e l’importanza di proteggerle per garantire un futuro in cui la natura e la cultura possano prosperare in armonia.

Per ulteriori informazioni sui parchi nazionali italiani e sull’impegno dell’associazione Federparchi – Europarc Italia nella conservazione e promozione di queste aree, è possibile visitare i seguenti siti web:

A cura di David Passarelli, Istruttore di Trekking CONI e autore del libro Manuale di escursionismo. Questo post è stato creato unicamente a scopo informativo e non per fini commerciali.